Alluce valgo

Noto anche come cipolla, è una delle deformazioni più commini del piede, e si rappresenta più frequentemente nel sesso femminile. Consiste nella deviazione dell’alluce verso l’esterno, cioè verso le altre dita. Nello stesso tempo si evidenzia (in radiografia) anche un aumento dell’angolo tra il primo e il secondo metatarso, ed anche lo sviluppo dell’esostosi (cipolla) nella parte interna del piede subito prima dell’articolazione metatarso-falangea dell’alluce. Con il tempo si formerà una callosità che lentamente, a causa del contatto con la scarpa, comincia con un arrossamento, poi un’infiammazione locale ed infine appare il dolore.
La causa dell’alluce valgo non è del tutto nota, ma sembra dovuta a fattori ereditari. In questi casi peggiora dal uso di scarpe scomode (scarpe strette, dure, tacchi alti) che però non sembra siano queste la causa di questa patologia del piede. Altri invece credono che proprio la scarpa inadatta è la causa dell’alluce valgo, ma questa opinione sembra essere in contrasto con il fatto che in Africa ai paesi che non usano scarpe per niente, questa patologia si incontra con frequenza abbastanza alta.
Altre cause possono essere secondarie, come Mattie reumatiche, piede piatto, piede valgo al tallone, astragalo varo, oppure malattie autoimmuni ed infiammatori.
Questa patologia dell’ alluce a causa della sua deviazione verso l’esterno, può influenzare a future deformazioni del piede come lussazioni delle dita o la presenza del dito a martello. Può anche coinvolgersi in condizioni patologiche oltre del piede, anche al livello della schiena lombare a causa di una iperlordosi della parte lombare della colona vertebrale perché cambia tutta la postura e l’ asse della gravità.